Ospitalità sacra e religioni: quando le frontiere diventano soglie

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Venerdì 23 novembre, alle ore 18.00, presso la Sala Paolino d’Aquileia (Via Treppo 5/b, Udine), sarà con noi Padre Claudio Monge, Superiore della Comunità domenicana a Istanbul e consultore del “Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso”.

Con il suo intervento dal titolo “Ospitalità sacra e religioni: quando le frontiere diventano soglie”, Padre Monge ci aiuterà a riflettere sulla visione dell’accoglienza nelle religioni cristiana, ebraica e musulmana. Le tre grandi religioni abramitiche hanno infatti in comune, nelle loro radici, la sacralità dell’atto ospitale, nel quale Dio stesso manifesta qualcosa della sua presenza.

Un incontro che non a caso si è voluto in corrispondenza con la seconda Giornata Mondiale dei Poveri (domenica 18 novembre 2018), voluta da Papa Francesco. Quest’anno l’invito è quello di tornare ad ascoltare il grido dei poveri, oggi troppo spesso  “considerati non solo come persone indigenti, ma anche come gente portatrice di insicurezza, instabilità, disorientamento dalle abitudini quotidiane e, pertanto, da respingere e tenere lontani”.

Insieme al Centro Missionario, alla Società San Vincenzo e all’Istituto Superiore di Scienze Religiose, la Caritas di Udine ha quindi deciso di raccogliere l’invito alla riflessione proponendo un incontro sul tema dell’accoglienza del povero, dell’ospite e del migrante.